X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 21 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Dopo il «PVC», memorie difensive da ponderare

/ Alfio CISSELLO

Mercoledì, 22 gennaio 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’art. 12 della L. 212/2000 stabilisce che il contribuente, entro sessanta giorni dalla consegna del processo verbale di constatazione, può produrre memorie difensive, le quali hanno la funzione di evitare la successiva emanazione dell’accertamento.

Si evidenzia che nulla vieta di produrre le memorie in un momento posteriore al decorso dei sessanta giorni; l’art. 12 richiamato legittima, nel momento in cui decorrono i sessanta giorni, l’emanazione dell’accertamento, ma non inibisce di certo la presentazione delle memorie in una data successiva.

L’ente impositore, specie a seguito della sentenza delle Sezioni Unite sull’art. 12 (si veda “Nullo l’accertamento emesso prima del termine di 60 giorni” del 30 luglio 2013), deve formare sempre ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU