X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 21 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

CONTABILITÀ

Nella transazione dopo la chiusura del bilancio, competenza da verificare

In base all’OIC 6, rileva l’esercizio di perfezionamento dell’accordo tra le parti

/ Michele BANA

Lunedì, 4 agosto 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

La sottoscrizione, da parte del debitore con alcuni creditori, di un accordo transattivo, successivamente alla data di chiusura dell’esercizio, ma prima della formazione del relativo progetto di bilancio, è suscettibile di porre un rilevante dubbio in termini di competenza.

In primo luogo, è necessario tenere conto di quanto previsto, in termini generali, dalle disposizioni civilistiche e dai principi contabili:
- la valutazione delle voci deve essere fatta secondo prudenza (art. 2423-bis, comma 1, n. 1) c.c. );
- si possono indicare esclusivamente gli utili realizzati alla data di chiusura dell’esercizio (art. 2423-bis, comma 1, n. 2) c.c. );
- si deve tenere conto dei rischi e delle perdite di competenza dell’esercizio, anche se conosciuti dopo la chiusura di questo (art. 2423- ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU