X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 28 luglio 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Per le start up innovative, calcolo «per teste» della forza lavoro

Devono essere considerati anche i soci-amministratori con impiego retribuito diverso da quello organico

/ Pamela ALBERTI

Mercoledì, 15 ottobre 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

In relazione alla qualifica di start up innovativa, ai fini della verifica del requisito “alternativo” della forza lavoro “altamente qualificata” di cui all’art. 25 comma 2 lettera h) n. 2 del DL 179/2012, si applica il calcolo “per teste”; a tal fine, è possibile considerare anche i soci-amministratori, purché abbiano un impiego retribuito diverso da quello organico, e gli stagisti, qualora siano effettivamente retribuiti. Lo chiarisce l’Agenzia delle Entrate, con la risoluzione n. 87 pubblicata ieri.

Si ricorda, brevemente, che l’art. 25, comma 2, del DL 179/2012 definisce l’impresa start up innovativa quale società di capitali, costituita anche in forma cooperativa, di diritto italiano ovvero una Societas Europaea, residente in Italia ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU