X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 28 novembre 2021

IMPRESA

La simulazione contrattuale ha rilevanza penale

Contano anche comportamenti elusivi del contribuente per trarre vantaggi dall’uso in modo distorto di strumenti idonei a ottenere un risparmio fiscale

/ Maria Francesca ARTUSI

Mercoledì, 11 febbraio 2015

x
STAMPA

download PDF download PDF

Un caso di dichiarazione fraudolenta mediante altri artifici (art. 3 del DLgs. 74/2000) offre l’occasione alla Cassazione, con la sentenza n. 5929 depositata ieri, di ribadire alcuni principi in materia di sequestro preventivo finalizzato alla confisca e di toccare tangenzialmente la problematica della c.d. elusione fiscale.

I titolari di una srl erano indagati per una complessa operazione fraudolenta che aveva portato all’indicazione nel modello UNICO di elementi attivi inferiori a quelli effettivi con un’evasione d’imposta superiore a cinque milioni di euro. Tale operazione era stata realizzata attraverso la costituzione di un trust – rivelatosi fittizio – e tramite la conclusione di un contratto (stock lending agreement) avente ad oggetto il prestito di 14.300 azioni ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU