X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 27 novembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Licenziamenti collettivi illegittimi se la comunicazione preventiva è generica

Per la Cassazione, se la procedura interessa unità specifiche, non basta indicare le motivazioni generali che riguardano l’azienda nel suo complesso

/ Luca MAMONE

Mercoledì, 11 marzo 2015

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nel caso in cui un datore di lavoro ricorra alla procedura di mobilità ex L. 223/91 indicando nell’apposita comunicazione preventiva alle rappresentanze sindacali solo le esigenze relative alla situazione generale del complesso aziendale, senza alcun riferimento alle singole unità produttive ove invece verranno effettuate le riduzioni di personale, i licenziamenti sono da ritenersi illegittimi per violazione dell’obbligo di indicare, nella predetta comunicazione, le esigenze tecnico-produttive e organizzative che giustificano il ricorso al licenziamento collettivo, nonché per violazione dei criteri di selezione del personale da licenziare. Lo ha stabilito la Cassazione con la sentenza n. 4678/2015, confermando l’illegittimità di un licenziamento a seguito di procedura di mobilità, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU