X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 26 novembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

TFR in busta paga ai nastri di partenza

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DPCM 29/2015, vengono definiti modalità e criteri operativi per lavoratori e aziende

/ Luca MAMONE

Venerdì, 20 marzo 2015

x
STAMPA

download PDF download PDF

È stato pubblicato, nella G.U. n. 65 di ieri, il DPCM n. 29 del 20 febbraio 2015, contenente il regolamento attuativo delle disposizioni in materia di liquidazione del TFR in busta paga, previste dalla legge di stabilità 2015.
In particolare, con il decreto in argomento – in vigore il prossimo 3 aprile – vengono definite le modalità di attuazione delle disposizioni di cui all’art. 1, commi da 26 a 34 della L. 190/2014, nonché criteri, condizioni e modalità di funzionamento del Fondo di garanzia.

Diventa quindi operativa la possibilità, per il lavoratore dipendente, di poter richiedere mensilmente in busta paga, come quota integrativa della retribuzione (Qu.I.R.), la corresponsione delle quote maturande del TFR di cui all’art. 2120 c.c. Si ricorda che tale disposizione ha carattere ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU