X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 27 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

L’Agenzia «difende» la sanzione del 30% sui depositi IVA virtuali irregolari

La circ. 12 sostiene applicabilità e proporzionalità della sanzione, in contrasto con quanto affermato dalla Corte di Giustizia

/ Barbara ROSSI e Fabio Tullio COALOA

Mercoledì, 25 marzo 2015

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la circolare n. 12, l’Agenzia torna sulle conseguenze sanzionatorie derivanti dall’introduzione “virtuale” dei beni nel deposito IVA, tema recentemente trattato dalla Corte di Giustizia Ue nella causa C-272/13, Equoland.
In merito, si ricorda che attraverso la citata pronuncia, i giudici unionali si sono espressi, in primis, sulla facoltà del singolo Stato di esigere l’introduzione fisica delle merci nel deposito IVA come condizione per sostituire il reverse charge all’estrazione dei beni dal deposito al versamento dell’imposta in dogana, e, in secundis, sulle conseguenze sanzionatorie derivanti in caso di irregolare utilizzo del deposito.

Sul primo punto, la Corte ha chiarito, come sottolinea anche l’Agenzia, che l’art. 16 della direttiva ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU