X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 20 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Conti correnti e modulo RW alla prova del favor rei

Le diverse modifiche succedutesi nel corso degli anni impongono l’applicazione dell’art. 3 comma 2 del DLgs. 472/97

/ Alfio CISSELLO e Salvatore SANNA

Sabato, 9 maggio 2015

x
STAMPA

download PDF download PDF

I numerosi interventi normativi che hanno caratterizzato negli ultimi anni gli obblighi di monitoraggio fiscale inducono a soffermarsi, in merito a varie fattispecie, sull’applicabilità del favor rei, disciplinato dall’art. 3 commi 2 e 3 del DLgs. 472/97.

Oltre alle problematiche, già evidenziate su Eutekne.info (si veda “Favor rei «diversificato» per le sanzioni da RW” del 17 settembre 2014), concernenti l’abrogazione, ad opera della L. 97/2013, delle sezioni I e III del modulo RW, un tema particolarmente interessante riguarda l’obbligo di indicazione dei conti correnti esteri che, in base alla legislazione attuale, non sussiste sempre, ma solo quando vengono superate determinate soglie.

Oggi, per effetto della modifica della L. 186/2014, l’art. ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU