X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 8 agosto 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Derivazione piena dal bilancio per l’ammortamento dei costi di sviluppo

La nuova disciplina potrebbe produrre effetti anche sui saldi residui di spese di sviluppo capitalizzate negli esercizi ante 2016

/ Fabrizio BAVA e Alain DEVALLE

Martedì, 4 aprile 2017

x
STAMPA

download PDF download PDF

A partire dai bilanci dell’esercizio 2016 – in caso di esercizio coincidente con l’anno solare – l’ammortamento dei costi di sviluppo deve essere effettuato in base alla vita utile (art. 2426 comma 1 n. 5 c.c.). Soltanto nei casi eccezionali in cui non è possibile stimare in modo attendibile la vita utile, l’ammortamento deve essere effettuato in massimo cinque esercizi, come previsto dalla norma previgente. Non è prevista la possibilità di applicazione prospettica; pertanto, la nuova disciplina dell’ammortamento potrebbe produrre effetti anche sui saldi residui di spese di sviluppo capitalizzate in esercizi precedenti il 2016.

Come abbiamo avuto modo di sottolineare su Eutekne.info (si veda “Nel nuovo OIC 24 indicazioni per spese di ricerca residue al 1° ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU