Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 5 febbraio 2023

IMPRESA

Necessaria la SCIA per il commercio di preziosi

Con i decreti attuativi della riforma della P.A. cambia l’iter amministrativo per l’esercizio dell’attività ex art. 127 del TULPS

/ Nunzio RAGNO e Giuseppe QUARTICELLI

Lunedì, 18 settembre 2017

x
STAMPA

download PDF download PDF

Dal 1° luglio 2017 anche l’avvio dell’attività di commercio al dettaglio e all’ingrosso di oggetti preziosi (sia nuovi che usati), al pari di altre attività in materia edilizia e di commercio oggetto di comunicazioni e/o segnalazioni, deve passare dallo Sportello unico delle attività produttive (SUAP) del Comune di appartenenza del luogo di svolgimento dell’attività di impresa.

A sancirlo sono stati i due decreti legislativi nn. 126/2016 e 222/2016, attuativi della legge delega n. 124/2015 di riforma della P.A., che nell’intento di semplificare il procedimento amministrativo e la disciplina della SCIA hanno previsto la presentazione telematica presso lo Sportello unico delle attività produttive, di un unico modello valido in tutto il Paese finalizzato alla denuncia

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU