X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 4 agosto 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Per la detrazione IVA ancora dubbi sulla «retro imputazione»

Una soluzione potrebbe arrivare con il prossimo provvedimento attuativo in materia di fatturazione elettronica

/ Luca BILANCINI

Mercoledì, 28 marzo 2018

x
STAMPA

download PDF download PDF

Dal momento in cui è stata emanata la circolare n. 1/2018 dell’Agenzia delle Entrate, uno dei temi oggetto di maggior dibattito è stato sicuramente quello relativo alla possibilità di portare in detrazione l’IVA delle fatture ricevute tra il 1° e il 16 del mese nella liquidazione del mese precedente.

La questione concerne, in pratica, l’interpretazione dell’art. 1 del DPR 23 marzo 1998 n. 100, secondo cui “entro il giorno 16 di ciascun mese, il contribuente determina la differenza tra l’ammontare complessivo dell’imposta sul valore aggiunto esigibile nel mese precedente, (…), e quello dell’imposta, risultante dalle annotazioni eseguite, nei registri relativi ai beni ed ai servizi acquistati, sulla base dei documenti di acquisto di cui è in possesso

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU