X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 17 febbraio 2019

Lettere

La partenza non uniforme della fattura elettronica può portare al caos

Lunedì, 1 ottobre 2018

Spettabile Redazione,
in merito al decollo della fatturazione elettronica, sarebbe veramente il tracollo totale degli studi se si dovesse assistere a una partenza stratificata.
Nessuno sarebbe in grado di gestire in modo ottimale e con ordine la contabilità della clientela.
Dobbiamo veramente renderci conto che la partenza non uniforme dell’intero progetto è destinata a creare solo il caos totale.

Immaginate cosa vorrebbe dire avere clienti in contabilità semplificata che ricevono fatture elettroniche e non, da soggetti dei quali ignorano il sistema di fatturazione. Passeremmo le giornate a verificare con loro se siamo in possesso di tutte le fatture passive o meno.
Invoco pertanto tutti, ordine e istituzioni, ad adoperarsi perché ciò non avvenga scongiurando la sciagura.

Ulteriormente, voglio suggerire una piccola prescrizione utile a sconfiggere completamente l’evasione e permettere a tutti di pagare una flat tax o, più costituzionalmente come io preferirei, aliquote assai ridotte: il divieto d’utilizzo generalizzato di contante sopra i 25 euro.
Questa disposizione, unita alla fatturazione elettronica, porrebbe la parola fine al nero, o quantomeno lo ridurrebbe a un lumicino.
Pensate infatti alla difficoltà di “smerciare” cash con limiti del genere e all’inutilità di fare del nero a fronte di imposizione fiscale media che potrebbe aggirarsi attorno al 20% grazie all’impennata del gettito.

Da stigmatizzare invece a mio parere l’aumento della soglia dei forfetari.
Un motivo per tutti, oltre ai già citati effetti distorsivi sul sistema, è l’iniquità assoluta di premiare con un tale regime un soggetto che operando da solo consegue quasi in assenza di costi un fatturato di 60.000 euro, e costringere a un regime normale un altro che dando lavoro magari a 5 persone consegue un reddito imponibile di pari entità.

Chi meriterebbe un carico fiscale inferiore?
Ai governanti l’ardua sentenza.


Giorgio Manfioletti
Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Trento

TORNA SU