X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 26 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Niente proroga dei termini per chi fruisce dell’integrativa speciale

Salta ogni tipo di non punibilità, ma resta uno strano reato legato all’integrativa

/ Alfio CISSELLO

Martedì, 23 ottobre 2018

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nell’ultima bozza di decreto legge fiscale scompare una disposizione, che riecheggiava il vecchio art. 10 della L. 289/2002, secondo cui, per i contribuenti che non si fossero avvalsi della dichiarazione integrativa speciale o di altre forme di sanatoria, i termini di accertamento sarebbero stati prorogati di tre anni.
Si tratta di novità da salutare con favore, in quanto la proroga avrebbe ingiustamente pregiudicato coloro i quali, del tutto legittimamente, decidono di non fruire dell’integrativa speciale.
Per ora, rimane invece la proroga biennale dei termini di accertamento relativa all’adesione ai verbali di constatazione.

Per il resto, l’integrativa in oggetto è simile a un ravvedimento operoso: infatti, si richiama l’art. 1 comma 640 della L. 190/2014, quindi, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU