ACCEDI
Martedì, 21 maggio 2024 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Reclamo ammesso anche senza la pronuncia di fallimento

/ Antonio NICOTRA

Venerdì, 26 aprile 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il decreto del Tribunale con il quale sia dichiarata l’inammissibilità della proposta concordataria non è soggetto al reclamo ex art. 162 comma 2 del RD 267/42, salvo che – accertati i presupposti di cui agli artt. 1 e 5 del RD 267/42 – il Tribunale con sentenza dichiari anche il fallimento del debitore. In tal caso, infatti, l’art. 162 comma 3 del RD 267/42 riconosce la possibilità di presentare il reclamo ex art. 18 del RD 267/42 contro la sentenza che dichiara il fallimento e di fare valere, al tempo stesso, i motivi attinenti all’ammissibilità della proposta di concordato.

Sul tema, in verità, la giurisprudenza non segue un orientamento lineare. Si registrano principalmente due indirizzi. Il primo indirizzo giunge a ritenere che il reclamo ha ad oggetto la sentenza dichiarativa ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU