X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 16 ottobre 2019 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Nulla la nomina del revisore che condivide lo studio con il sindaco

Rileva l’esistenza di un rapporto patrimoniale, anche in senso lato e non significativo

/ Maurizio MEOLI

Sabato, 1 giugno 2019

Il revisore legale di una società che fa parte del medesimo studio professionale di uno dei sindaci della stessa (al mero fine di condividere i costi) non può dirsi indipendente ex art. 10 del DLgs. 39/2010 e, quindi, la sua nomina è nulla e non ha diritto a percepire i relativi compensi. Ad affermarlo è la Cassazione, nell’ordinanza n. 14919, depositata ieri.

Nel caso di specie, il revisore legale di una spa in amministrazione straordinaria vedeva respinta la propria richiesta di insinuazione al passivo per i crediti derivanti dallo svolgimento del proprio incarico. Il giudice delegato fondava tale decisione sul legame esistente tra il revisore ed uno dei sindaci della società. Entrambi, infatti, facevano parte del medesimo studio professionale. Il rapporto era reputato tale da rendere ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU