X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 22 settembre 2019

NOTIZIE IN BREVE

In Italia valutazione del rischio riciclaggio «molto significativa»

/ REDAZIONE

Giovedì, 13 giugno 2019

È stato pubblicato ieri dal Comitato di sicurezza finanziaria (CSF) l’aggiornamento dell’Analisi nazionale sui rischi di riciclaggio e finanziamento del terrorismo (National Risk Assessment - NRA), la cui prima edizione risale al 2014.

Il documento analizza i dati del periodo 2014-2018 ed è il frutto del lavoro delle autorità partecipanti al CSF, di altre amministrazioni con competenze specifiche su temi di interesse, del Ministero del Lavoro e dell’Agenzia italiana per la cooperazione e lo sviluppo e dei rappresentanti della Presidenza del Consiglio dei Ministri. L’analisi ha inoltre beneficiato della collaborazione dell’ISTAT, di studiosi e rappresentanti del mondo accademico, del contributo degli ordini professionali e delle associazioni private rappresentative delle categorie interessate.

Gli obiettivi sono principalmente due:
- valutare livello di rischio riciclaggio e di finanziamento del terrorismo in Italia, attraverso l’individuazione delle minacce e delle criticità presenti nel sistema economico-sociale nazionale;
- valutare l’efficacia del regime antiriciclaggio e di contrasto del finanziamento del terrorismo nelle diverse fasi (preventiva, investigativa e repressiva) che riduce i rischi individuati.

Il quadro emerso è in linea con la precedente rilvazione: in Italia, infatti, la valutazione del rischio riciclaggio è “molto significativa”, ovvero nel gradino più alto della scala a 4 valori adottata per l’analisi per alcuni fenomeni di fondo presenti nel Paese. Per quanto attiene invece il finanziamento del terrorismo (sia di matrice nazionale che internazionale), questo è ritenuto “abbastanza significativo” (scala di valore 3 su 4).

Nel comunicato che accompagna il documento, il MEF spiega che alla base di tale valutazione si trovano “i fattori di contesto che permeano il sistema economico: l’uso ancora molto diffuso del contante e il ruolo della cosiddetta economia non osservata (sommerso economico e attività illegali)“.  Per il Ministero l’uso del contante si conferma ancora generalizzato e continua a presentare un fattore contestuale di rischio per il riciclaggio e l’evasione fiscale. Pertanto, in relazione al riciclaggio, tali criticità ampliano la minaccia che proventi di reato, ancorché in misura non specificamente definita, siano reinseriti nel circuito economico-finanziario domestico.

TORNA SU