X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 16 luglio 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Lavoro svolto da casa con tassazione variabile

Ipotesi articolate in merito allo Stato a cui sono dovute le imposte a causa della delocalizzazione internazionale di molte prestazioni

/ Gianluca ODETTO

Sabato, 13 luglio 2019

Mentre si assiste ad una sostanziale impasse per quanto riguarda la valutazione dei criteri di territorialità dei redditi nell’economia digitale, esistono casi altrettanto non semplici da risolvere quando la mobilità non riguarda le prestazioni d’impresa in senso tecnico, bensì quelle di lavoro dipendente o autonomo. Oggi è, infatti, tecnicamente possibile effettuare molte prestazioni in modo sostanzialmente delocalizzato, per cui vi sono molte situazioni in cui la “sede di lavoro” è situata in uno Stato (o tranquillamente in un continente) diverso da quello del committente, o è tout court rappresentata dalla casa di abitazione della persona.

Nel contesto delle Convenzioni conformi al modello OCSE, sia per i redditi di lavoro dipendente che per quelli di lavoro autonomo ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU