X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 22 gennaio 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / TUTELA DEL PATRIMONIO

Ancora dubbi sul monitoraggio del titolare effettivo nel trust

Solo i beneficiari con diritto di credito potrebbero essere obbligati a compilare il quadro RW

/ Dario AUGELLO

Venerdì, 23 agosto 2019

In materia di trust, a norma dell’art. 4 del DL 167/90, è soggetto all’obbligo di monitoraggio fiscale non solo l’entità residente in Italia, che detiene investimenti e attività finanziarie all’estero e ne è pertanto titolare diretto, ma anche il titolare effettivo, come individuato secondo le norme del DLgs. 231/2007 (art. 1, comma 2, lett. pp) e art. 22, comma 5) in materia di contrasto al riciclaggio internazionale.

In base alla norma di rinvio sono quindi astrattamente tenuti al monitoraggio fiscale, oltre al trust residente, quale titolare diretto dell’investimento o dell’attività finanziaria detenuti all’estero, anche il disponente, il trustee, il guardiano e i beneficiari, se residenti in Italia, quali titolari effettivi.

Il rinvio alle disposizioni ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU