X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 20 febbraio 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Youtuber alla prova del reddito di lavoro autonomo

/ Alessandro COTTO

Lunedì, 2 settembre 2019

Nei mesi scorsi ha avuto un discreto risalto sugli organi di stampa la notizia dell’accertamento della Guardia di Finanza ad uno youtuber che avrebbe inquadrato i propri compensi fra i redditi derivanti dalla cessione di diritto d’autore, anziché tra quelli professionali.

La vicenda offre lo spunto per tornare su una questione che negli anni ha alimentato un certo dibattito in dottrina.

Con specifico riferimento alle imposte dirette, l’art. 53 comma 2 lett. b) del TUIR include tra i redditi di lavoro autonomo i redditi derivanti dalla utilizzazione economica, da parte dell’autore o dell’inventore, di opere dell’ingegno, se non sono conseguiti nell’esercizio di imprese commerciali.
A differenza dei redditi di lavoro autonomo in senso stretto di cui all’art. ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU