X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 28 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Calcolo del periodo di comporto in base al CCNL effettivamente applicabile

Il periodo cui occorre riferirsi per vagliare la legittimità del licenziamento non è quello indicato nel contratto collettivo formalmente applicato se diverso

/ Vincenzo MOZZI e Francesco MARASCO

Giovedì, 26 settembre 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la sentenza n. 22367/2019, la Corte di Cassazione, ribadendo l’onere del datore di lavoro di allegare e provare i fatti costitutivi del legittimo esercizio del proprio potere di recesso e, in caso di superamento del periodo di comporto, i fatti che indubbiamente lo attestino, ha focalizzato l’attenzione su un profilo piuttosto interessante.
Secondo la Suprema Corte, il periodo di comporto potrà dirsi superato – e il conseguente licenziamento legittimo – perché è stato calcolato ai “sensi definiti dalla contrattazione collettiva di settore”.

Ciò che rileva per i giudici di legittimità, dunque, non è che il periodo di comporto sia stato superato sulla base del contratto collettivo formalmente applicato dal datore di lavoro (nel caso di specie, il CCNL Dipendenti Commercio), ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU