X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 24 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / OPERAZIONI STRAORDINARIE

Iscrizione dell’avviamento dubbia nei conferimenti d’azienda di mero scorporo

In questo caso la partecipazione che il conferente riceve in cambio è la mera riespressione dell’azienda che ha conferito

/ Enrico ZANETTI

Martedì, 26 novembre 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

In assenza di principi contabili nazionali specificamente dedicati alle operazioni di conferimento d’azienda, la prassi assolutamente prevalente ritiene che la società conferitaria non sia vincolata al rispetto della continuità dei valori contabili risultanti in capo all’impresa conferente (ferma restando la possibilità di scegliere di procedere in tal senso ogni qual volta il conferimento abbia una natura economico-sostanziale equiparabile a quella di una trasformazione) e sia invece libera di iscrivere l’azienda ricevuta nella propria contabilità per un valore pari a quello cui il bene è stato valutato ai fini del conferimento.

Ciò implica che i plusvalori latenti in capo al conferente, sui singoli elementi patrimoniali facenti parte il complesso aziendale conferito, possono ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU