X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 28 febbraio 2020 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

La procedura concorsuale non blocca la prescrizione del Fondo di garanzia INPS

Le interruzioni della prescrizione intervenute nel rapporto tra lavoratore e datore non contano per il decorso del termine nei confronti del Fondo

/ Silvano IMBRIACI

Lunedì, 13 gennaio 2020

La domanda del lavoratore per il pagamento del trattamento di fine rapporto da parte del Fondo di garanzia INPS (L. 297/1982) è soggetta all’ordinario termine prescrizionale di cinque anni previsto in relazione al diritto alla liquidazione del TFR (cfr. circ. INPS nn. 122/93 e 74/2008).
Per quanto riguarda i crediti diversi dal TFR, il termine di prescrizione è esplicitamente indicato dalla legge in un anno (art. 2, comma 5 del DLgs. 80/92). Il nodo controverso, recentemente affrontato dalla Corte di Cassazione con la sentenza n. 32/2020, riguarda la corretta individuazione del termine di decorrenza della prescrizione, tema questo che non può prescindere dalla risoluzione della preliminare questione circa la natura – retributiva o previdenziale – delle prestazioni erogate dal Fondo di

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU