X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 2 giugno 2020 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Anche commercialisti e consulenti del lavoro potranno inviare le richieste di indennità all’INPS

Dopo le difficoltà di ieri apertura verso i professionisti e possibili accessi scaglionati. Inoltrate a CNPADC e CNPR quasi 25 mila istanze

/ Savino GALLO

Giovedì, 2 aprile 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con due diversi comunicati stampa, diffusi nel pomeriggio di ieri, i Consigli nazionali di commercialisti e consulenti del lavoro hanno fatto sapere che, a partire da oggi, i rappresentanti delle due categorie potranno inviare all’INPS, per conto dei propri clienti, le richieste di indennità di 600 euro stanziate dal Governo.

La notizia è arrivata al termine di una giornata che si annunciava campale e che probabilmente ha superato, in negativo, le aspettative della vigilia. Migliaia di utenti, tra intermediari e privati cittadini, hanno provato ad accedere al sito dell’INPS per richiedere le diverse prestazioni previste (indennità, cassa integrazione, congedi, bonus) già a partire dall’una di notte. Alle otto di ieri mattina, le richieste pervenute avevano già superato le 300 ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU