X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 10 agosto 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Interessi da rimborsi IVA secondo il principio di effettività

Non può ritenersi coerente con il diritto Ue limitare il periodo di debenza degli interessi ad un solo anno d’imposta

/ Giorgio INFRANCA e Pietro SEMERARO

Martedì, 28 aprile 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

È contraria al diritto dell’Unione europea la normativa nazionale di uno stato membro che, pur riconoscendo il diritto del contribuente a percepire gli interessi correlati al rimborso dell’IVA versata in eccesso, li computi ad un tasso pari a quello applicato ai finanziamenti interbancari dalla Banca centrale del Paese membro, allorché tale tasso sia inferiore a quello che il contribuente dovrebbe sostenere per ottenere in prestito una somma di ammontare pari all’IVA versata in eccesso. E, comunque, gli interessi non possono essere riconosciuti per un periodo di tempo particolarmente limitato, ma devono essere corrisposti fino alla data di liquidazione del rimborso.

Viceversa, è coerente con il diritto dell’Unione una normativa nazionale che riconosca un termine quinquennale ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU