X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 20 ottobre 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Rimborso IVA non precluso se la S.O. non effettua operazioni

/ Mirco GAZZERA

Venerdì, 21 agosto 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

La direttiva 2008/9/Ce disciplina il rimborso dell’IVA a favore dei soggetti passivi stabiliti in uno Stato membro dell’Ue diverso da quello in cui è stata addebitata l’imposta. Tale normativa trova recepimento negli artt. 38-bis1 e 38-bis2 del DPR 633/72 che regolano, rispettivamente, il rimborso dell’IVA assolta:
- in altri Stati membri, da soggetti passivi stabiliti in Italia;
- in Italia, da parte di soggetti passivi stabiliti in altri Stati membri.

Per ottenere il rimborso dell’IVA, il soggetto passivo non stabilito deve effettuare operazioni che danno diritto alla detrazione nel Paese di stabilimento. Il rimborso spetta in ragione della percentuale di detrazione applicata in quest’ultimo, in caso di applicazione del meccanismo del pro rata (art. 6 della

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU