X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 19 gennaio 2021 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Insolvenza internazionale collegata alla residenza della persona fisica

La localizzazione dei beni è uno dei criteri per determinare il centro degli interessi principali del debitore

/ Antonio NICOTRA

Venerdì, 17 luglio 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

La Corte di Giustizia Ue, con la sentenza di ieri relativa alla causa C-253/19, ha stabilito che, ai fini della determinazione della competenza internazionale per l’apertura di una procedura di insolvenza, l’art. 3 par. 1 commi 1 e 4 del Reg. Ue 2015/848 deve essere interpretato nel senso che la presunzione secondo cui il centro degli interessi principali di una persona fisica che non esercita un’attività imprenditoriale o professionale indipendente coincide con la sua residenza abituale non è confutata per la sola circostanza che l’unico immobile di tale persona è situato fuori dallo Stato membro di residenza.

Nel caso di specie, due coniugi, residenti nel Regno Unito (ove svolgevano anche un’attività lavorativa), chiedevano l’apertura di una procedura d’insolvenza ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU