X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 14 aprile 2021 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Ritorno del DURC alla disciplina ordinaria con qualche eccezione

La pandemia comporta di nuovo un prolungamento di validità di permessi e certificati, che si estende al documento solo nei settori turismo e cultura

/ Fabrizio VAZIO

Sabato, 9 gennaio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

La disciplina del Documento unico di regolarità contributiva (DURC) è già di per sé piuttosto complessa. In tempo di pandemia, le cose peggiorano e ancora una volta le innovazioni legislative disegnano un quadro differenziato a seconda dei settori, richiedendo ulteriori specificazioni da parte degli enti deputati al rilascio, che si trovano a gestire un viluppo normativo non agevole.

A tale proposito, va detto che l’art. 3-bis del DL 125/2020, coordinato con la legge di conversione 159/2020, ha nuovamente modificato il testo dell’art. 103 del DL 18/2020 (conv. L. 27/2020), apportando le seguenti modificazioni:
“a) al comma 2, le parole: «il 31 luglio 2020» sono sostituite dalle seguenti: «la data della dichiarazione di cessazione dello stato di emergenza epidemiologica da COVID-19». ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU