X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 1 marzo 2021 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Apertura di borse in sede di verifica anche se il contribuente non è particolarmente collaborativo

/ REDAZIONE

Mercoledì, 20 gennaio 2021

x
STAMPA

L’autorizzazione del PM richiesta dall’art. 52 del DPR 633/72 per aprire il contenuto di borse serve solo se la menzionata apertura avviene in modo coattivo.
Come stabilito dalla Corte di Cassazione con la sentenza n. 737 di ieri, non è necessaria alcuna autorizzazione se il contribuente non si è opposto all’apertura, ancorché la stessa non sia avvenuta con la sua materiale collaborazione, in sostanza “non spontaneamente”.

Nel caso di specie, la borsa (all’interno della quale è stata rinvenuta una pen drive), sebbene nelle mani di una dipendente che stava lasciando i locali aziendali, è risultata comunque un bene dell’impresa verificata.

TORNA SU