X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 17 maggio 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Resta la cedolare se il canone viene ridotto in base all’accordo territoriale

Non si tratta di una riduzione decisa dalle parti del contratto

/ Anita MAURO

Mercoledì, 10 marzo 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Se, nello stipulare il nuovo accordo territoriale sulle locazioni abitative, le associazioni di categoria di proprietari ed inquilini introducono una clausola secondo cui, in considerazione dell’emergenza sanitaria da coronavirus, il canone di locazione massimo subisce una riduzione, eccezionale e temporanea (della durata di 6 mesi), ciò non comporta l’inapplicabilità della cedolare secca.
Lo chiarisce l’Agenzia delle Entrate nella risposta a interpello n. 165, pubblicata ieri.

La questione deriva dalla disposizione recata dall’art. 3 comma 11 del DLgs. 23/2011, che, con norma inderogabile, da un lato, “sospende”, per il locatore che abbia espresso l’opzione per la cedolare secca, la possibilità di “chiedere l’aggiornamento del canone, anche

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU