X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 17 maggio 2021 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Nessuna ritenuta sui compensi ai consulenti se inquadrati come imprenditori

/ REDAZIONE

Sabato, 1 maggio 2021

x
STAMPA

Con la risposta a interpello n. 312 di ieri, l’Agenzia delle Entrate afferma che sui compensi spettanti a un consulente aziendale, possessore di partita IVA e titolare di una ditta individuale iscritta al Registro delle imprese, la società committente, all’atto dell’erogazione dell’emolumento, non deve operare la ritenuta d’acconto ex art. 25 del DPR 600/73.

Nel caso di specie, la società istante ha conferito al predetto consulente un incarico finalizzato allo svolgimento di un’attività in favore della medesima, al fine di supportare le strategie commerciali e di sviluppo mediante la valutazione dei mercati ed il posizionamento nelle aree di interesse della stessa.

Atteso che, per quanto riportato nell’istanza di interpello, l’attività non viene svolta secondo le modalità previste dalla L. 4/2013 (disciplinate le professioni non organizzate in Ordini o Collegi), bensì in forma d’impresa, i compensi percepiti non concorrono alla formazione del reddito di lavoro autonomo professionale.
Di qui, la logica conseguenza dell’inapplicabilità della ritenuta di cui all’art. 25 del DPR 600/73.

TORNA SU