X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 20 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Le violazioni contrattuali non permettono l’uso della disposizione

Per il TAR Friuli il campo di applicazione della disposizione è limitato alle sole violazioni di legge, peraltro di natura penale e amministrativa

/ Mario PAGANO

Martedì, 25 maggio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il potere di disposizione non è applicabile per irregolarità in materia di lavoro e legislazione sociale che trovino la propria fonte nel contratto collettivo, applicato dal datore di lavoro. Con questo principio il TAR Friuli Venezia Giulia, con sentenza del 18 maggio 2021, ha annullato un atto di disposizione, impartito ai sensi dell’art. 14 del DLgs. 124/2004, finalizzato all’assegnazione definitiva di un livello di inquadramento superiore a un lavoratore adibito a mansioni superiori, sul presupposto di un’errata applicazione del contratto collettivo.

La decisione del Tribunale amministrativo è destinata a fare discutere, sia perché si discosta dalle recenti indicazioni impartite dall’Ispettorato nazionale del lavoro (INL), sia perché determina inevitabilmente un ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU