X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 28 luglio 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Consumatore escluso dal piano per ricorso al credito con colpa grave

/ Antonio NICOTRA

Mercoledì, 2 giugno 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’art. 12-bis comma 3-bis della L. 3/2012 (inserito dal DL 137/2020, conv. L. 176/2020) stabilisce che il creditore che ha colpevolmente determinato la situazione di indebitamento o il suo aggravamento, o che ha violato i principi di cui all’art. 124-bis del DLgs. 385/93, non può presentare opposizione o reclamo in sede di omologa, né far valere cause di inammissibilità che non derivino da comportamenti dolosi del debitore.

Dalla violazione delle regole del merito creditizio il legislatore non fa discendere alcuna conseguenza sulla meritevolezza del debitore (cfr. Trib. Benevento 26 gennaio 2021 n. 229), né sussistono norme dalle quali desumere che, se il finanziatore ha violato il merito creditizio erogando al debitore un prestito che quest’ultimo non era in grado di restituire, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU