X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 24 ottobre 2021

NOTIZIE IN BREVE

Auspicabile un finanziamento della tutela della quarantena COVID-19

/ REDAZIONE

Giovedì, 2 settembre 2021

x
STAMPA

Con un approfondimento pubblicato ieri, la Fondazione Studi Consulenti del Lavoro tratta il tema dell’equiparazione della quarantena alla malattia prevista dall’art. 26 comma 1 del DL 18/2020 (Cura Italia) alla luce anche del mancato rifinanziamento della misura per l’anno 2021, sollevando dubbi e criticità e proponendo altresì alcune possibili soluzioni.

Si ricorda che la norma citata dispone che il periodo trascorso in quarantena con sorveglianza attiva o in permanenza domiciliare fiduciaria con sorveglianza attiva – di cui all’art. 1 comma 2 lett. h) e i) del DL 6/2020 e all’art. 1 comma 2 lett. d) ed e) del DL 19/2020 – dai lavoratori dipendenti del settore privato è equiparato a malattia ai fini del trattamento economico previsto dalla normativa di riferimento. Tale periodo non è inoltre computabile ai fini del periodo di comporto.

L’INPS, in ultimo con il messaggio n. 2842/2021, ha sottolineato come il legislatore non ha previsto, per l’anno 2021, appositi stanziamenti volti alla suddetta misura e di conseguenza, salvo eventuali interventi normativi, non si procederà a riconoscere la tutela previdenziale per gli eventi riferiti all’anno 2021 (si veda “Nessuna tutela previdenziale per la quarantena nel 2021” del 7 agosto 2021). Ciò potrebbe portare a delle criticità nella gestione del rapporto di lavoro e, in particolare, delle assenze di un lavoratore in quarantena.
Sulla questione, come segnalato dalla stessa Fondazione, è auspicabile un intervento normativo che rifinanzi la misura e abbia anche effetto retroattivo.

TORNA SU