X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 26 settembre 2021 - Aggiornato alle 11.50

IL PUNTO / FISCALITÀ INTERNAZIONALE

Liquidazioni senza imposta del 26% se gli utili sono di vecchia formazione

Anche nei casi di scioglimento continua a valere la norma transitoria contenuta nell’art. 1 comma 1006 della L. 205/2017

/ Gianluca ODETTO

Mercoledì, 15 settembre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

La liquidazione delle società estere le cui partecipazioni sono detenute da persone fisiche residenti continua a presentare problematiche fiscali irrisolte.
Dal punto di vista normativo, il reddito del socio ha natura di reddito di capitale ed è determinato, a norma dell’art. 47 comma 7 del TUIR, in misura pari alla differenza tra le somme ricevute (o il valore normale dei beni assegnati) e il costo fiscalmente riconosciuto della partecipazione annullata.

Se il principio è chiaro nei suoi tratti di fondo, più complessa è l’applicazione pratica, in quanto si “intersecano” due modalità di tassazione distinte:
- quella a regime, per cui l’utile (qualificato o non qualificato) sconta la ritenuta a titolo d’imposta del 26% o, se non interviene alcun intermediario ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU