X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 26 settembre 2021 - Aggiornato alle 11.50

FISCO

La rinuncia all’eredità stoppa l’accertamento

Irrilevante la regola civilistica sulla possibilità di revocare la rinuncia

/ Alice BOANO

Mercoledì, 15 settembre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Secondo la giurisprudenza maggioritaria l’erede – o gli eredi – che abbiano validamente rinunciato all’eredità non succedono nei rapporti tributari e, di conseguenza, non dovrebbero essere destinatari di atti impositivi (C.T. Reg. Lazio 1° febbraio 2011 n. 34/10/11, C.T. Reg. Reggio Calabria 20 luglio 2018 n. 2284/1/18 e Cass. 30 maggio 2018 n. 13639).
Ove ciò non avvenisse, colui che ha rinunciato all’eredità può ben impugnare il recupero dinnanzi al giudice tributario, costituendosi in giudizio al fine di ottenere una sentenza che lo dichiari estraneo al rapporto fiscale (Cass. 29 marzo 2017 n. 8053).

Dal mancato ricorso, dunque, non possono derivare effetti pregiudizievoli: l’atto non potrà fondare alcuna riscossione nei confronti di chi ha rinunciato (Cass. 3 novembre ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU