X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 28 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

La mancata approvazione del bilancio fa saltare il CdA

La «decadenza» derivante dalla percentuale deliberativa esclude anche il risarcimento

/ Maurizio MEOLI

Mercoledì, 13 ottobre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il Tribunale di Roma, con la sentenza n. 3099 del 22 febbraio scorso, fornisce una serie di importanti chiarimenti in ordine all’impugnabilità delle delibere assembleari da parte degli amministratori, sia in generale che con particolare riguardo a quelle aventi a oggetto l’esercizio, nei loro confronti, di azioni di responsabilità implicanti, quale effetto automatico ex art. 2393 comma 5 c.c., la revoca degli stessi.

Si evidenzia, in primo luogo, come le deliberazioni assembleari non conformi alla legge o allo statuto non siano impugnabili dai singoli componenti del CdA, ma dall’organo amministrativo nel suo complesso. Si tratta, infatti, di un potere collegiale e non individuale dei singoli componenti dell’organo. Inoltre, proprio perché attribuito all’organo nel

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU