X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 30 novembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Indebita compensazione da visto irregolare in capo al contribuente

Il contribuente deve appurare i requisiti di chi appone il visto

/ Alice BOANO

Mercoledì, 27 ottobre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’esimente di cui all’art. 6 comma 3 del DLgs. 472/97 non può essere applicata a sanzioni che sono una conseguenza di violazioni di natura formale quale è l’avvenuta presentazione di dichiarazioni munite di visto di conformità apposto da un soggetto non abilitato, dalle quali “a cascata” deriva l’indebita compensazione di crediti non spettanti.

Questo è il principio che si desume dalla pronuncia n. 30131 depositata ieri, 26 ottobre 2021 dalla Corte di Cassazione.
Il caso riguardava un contribuente che aveva effettuato compensazioni di crediti IVA muniti di visto di conformità ex art. 35 comma 1 lett. a) del DLgs. 241/97 rilasciato da soggetto non abilitato e per questo il contribuente stesso era stato destinatario di un atto di recupero degli interessi e di

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU