Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 27 novembre 2022

CONTABILITÀ

Modifica retroattiva della deducibilità dei marchi rivalutati con effetti contabili

A seguito dell’intervento della legge di bilancio 2022, l’impresa si trova di fronte a diversi scenari

/ Fabrizio BAVA, Donatella BUSSO e Alain DEVALLE

Martedì, 1 febbraio 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nel bilancio 2020 numerose imprese hanno optato per la rivalutazione versando anche il 3% di imposta sostitutiva, in considerazione, soprattutto, dei significativi benefici fiscali.
L’art. 1 commi 622-624 della L. 234/2021 (legge di bilancio 2022) ha modificato retroattivamente il regime fiscale dell’ammortamento dei maggiori valori attribuiti ai marchi attraverso la rivalutazione, prevedendo l’innalzamento dagli ordinari 18 anni a 50 anni come periodo di ammortamento fiscale minimo.

La norma, in considerazione di tale “anomala” retroattività, prevede che si possano revocare gli effetti fiscali della rivalutazione già effettuata, richiedendo il rimborso dell’imposta sostitutiva versata.
In alternativa, è possibile optare per integrare il pagamento versando una ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU