Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 1 luglio 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

La ritenuta su compensi per convegni di non residenti segue il luogo di prestazione

In caso di videoconferenza è applicata ai relatori non residenti solo nei casi in cui gli stessi svolgano la loro attività sul territorio italiano

/ Luisa CORSO

Mercoledì, 18 maggio 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con risposta ad interpello n. 266 di ieri, 17 maggio 2022, l’Agenzia delle Entrate interviene sul trattamento impositivo dei compensi corrisposti a relatori non residenti, titolari di partita IVA e non, a fronte di convegni effettuati in videoconferenza dall’estero, con contestuale cessione di slide, nei confronti di una società italiana attiva nell’organizzazione di eventi nel campo sanitario.

Nell’affrontare la tematica, l’Agenzia ricorda, in primo luogo, che ai sensi dell’art. 3 del TUIR i soggetti non residenti sono assoggettati a tassazione in Italia per i soli redditi ivi prodotti e che i criteri di territorialità stabiliti dalla norma nazionale sono legati al luogo di effettuazione della prestazione per ciò che concerne i redditi di lavoro autonomo

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU