Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 1 luglio 2022 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Rivalutazione gratuita per i soli immobili a destinazione alberghiera

/ REDAZIONE

Giovedì, 19 maggio 2022

x
STAMPA

La risposta a interpello n. 269/2022, pubblicata ieri, analizza l’applicazione dell’art. 6-bis del DL 23/2020, il quale consente alle imprese dei settori alberghiero e termale di procedere con la rivalutazione dei beni d’impresa valida ai fini fiscali senza versare imposte sostitutive.

La rivalutazione in argomento deve:
- riguardare tutti i beni appartenenti alla stessa categoria omogenea;
- essere annotata nel relativo inventario e nella nota integrativa;
- essere eseguita in uno o in entrambi i bilanci o rendiconti relativi ai due esercizi successivi a quello in corso al 31 dicembre 2019.

Nel caso di specie, un soggetto in contabilità semplificata che esercita l’attività di locazione immobiliare di beni propri (codice ATECO 68.20.01) concede in locazione tutti gli immobili, eccetto uno, a una società esercente l’attività di albergo (codice ATECO 55.10.00).

In generale, possono beneficiare della rivalutazione anche gli immobili posseduti dalle imprese che li locano a un’impresa diversa, la quale esercita l’attività alberghiera.
Per gli immobili concessi in locazione, viene richiesta la contestuale presenza di due requisiti:
- dal punto di vista oggettivo, deve trattarsi di immobile a destinazione alberghiera;
- sotto il profilo soggettivo, il locatario deve essere un soggetto operante nei settori alberghiero e termale.

In questo caso, la risposta dell’Agenzia delle Entrate considera possibile fruire della rivalutazione gratuita limitatamente agli immobili “a destinazione alberghiera”, costituendo tutti gli immobili utilizzati a tale fine una categoria omogenea.

TORNA SU