ACCEDI
Mercoledì, 28 febbraio 2024 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / PROCEDURE CONCORSUALI

Creditori da risarcire per l’eccessiva durata della procedura

Lo Stato può esercitare azione di regresso nei confronti del curatore ritenuto responsabile

/ Saverio MANCINELLI

Giovedì, 30 marzo 2023

x
STAMPA

download PDF download PDF

La lunghezza dei procedimenti giudiziari italiani diveniva una questione “giuridica” quando, negli anni Novanta, la Commissione europea dei diritti dell’uomo e la Corte europea dei diritti dell’uomo (Corte EDU), iniziavano a sanzionare il nostro Stato per la violazione del diritto alla ragionevole durata del processo (art. 6 § 1 della Convenzione europea dei diritti dell’uomo - CEDU). La “risposta” del nostro legislatore è stata la legge 24 marzo 2001 n. 89 (legge Pinto), che riconosce a tutte le parti di un processo, danneggiate dalla durata eccessiva e irragionevole dello stesso, il diritto di ottenere un’equa riparazione.

In ambito fallimentare, la Corte di Strasburgo affermava che l’irragionevole durata di una procedura comporta “la ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU