ACCEDI
Mercoledì, 28 febbraio 2024 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Differito al 17 aprile il termine per la comunicazione dei lavori usuranti

Il differimento riguarda solamente l’anno 2023

/ Daniele SILVESTRO

Giovedì, 30 marzo 2023

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il termine previsto per il 31 marzo 2023 per la comunicazione da parte dei datori di lavoro dell’eventuale svolgimento di lavorazioni usuranti nel corso dell’anno precedente è differito al 17 aprile 2023. Lo rende noto il Ministero del Lavoro con un comunicato pubblicato ieri in serata, 29 marzo 2023.

Nello specifico, solamente per il 2023, vengono differiti i termini per le comunicazioni di lavoro notturno e per l’adempimento di rilevazione del periodo o dei periodi di svolgimento di tutte le attività usuranti di cui all’art. 1 comma 1 lett. da a) a d) del DLgs. 67/2011. Rimane invece fermo il termine per la comunicazione del lavoro c.d. “a catena” ex art. 1 comma 1 lett. c) del DLgs. 67/2011, il quale deve essere effettuato entro 30 giorni dall’inizio

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU