ACCEDI
Venerdì, 21 giugno 2024 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / AGROINDUSTRIA

Nel quadro VO le opzioni per i regimi forfetari dell’imprenditore agricolo

Le opzioni vanno esercitate mediante comportamenti concludenti e poi comunicate nella dichiarazione annuale IVA

/ Lorenzo MAGRO e Arianna ZENI

Sabato, 17 febbraio 2024

x
STAMPA

download PDF download PDF

Al di fuori delle attività disciplinate dall’art. 32 del TUIR, da cui derivano redditi agrari determinati su base catastale, l’imprenditore agricolo consegue reddito d’impresa. Peraltro, anche per questa seconda tipologia di redditi sono previsti a favore dell’imprenditore agricolo alcuni regimi agevolati di determinazione forfetaria del reddito. 

Ad esempio, l’art. 56-bis del TUIR individua criteri di determinazione forfetaria per i redditi d’impresa derivanti, a determinate condizioni:
- dalle attività dirette alla produzione di vegetali tramite l’utilizzo di strutture fisse o mobili (come le serre), esercitate oltre il limite dell’art. 32 comma 2 lett. b) del TUIR (comma 1);
- dalle attività dirette alla manipolazione, conservazione, trasformazione, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU