ACCEDI
Mercoledì, 26 giugno 2024 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

È un negozio unitario la compravendita immobiliare con pagamento a favore di un terzo

Ai fini di registro e bollo la pattuizione sul corrispettivo non è «un atto distinto» dal negozio principale

/ Anita MAURO e Carmela NOVELLA

Venerdì, 22 marzo 2024

x
STAMPA

download PDF download PDF

La clausola, inserita nel contratto di compravendita immobiliare, con cui il venditore si impegna a pagare il corrispettivo (per mezzo della banca mutuante, cui conferirà mandato irrevocabile di pagamento) a favore di un terzo, creditore del venditore ed estraneo alla compravendita, non sconta autonoma imposta di registro.
Lo afferma la C.G.T. I Reggio Emilia, nella sentenza 15 dicembre 2023 n. 240/1/23.

Nella concreta fattispecie esaminata dal giudice tributario, si trattava di valutare la legittimità della pretesa erariale di assoggettare, separatamente, a imposta di bollo e a imposta proporzionale di registro la specifica disposizione che obbligava l’acquirente al pagamento del corrispettivo nelle mani del terzo, estraneo alla compravendita, con il quale la parte venditrice intratteneva

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU