ACCEDI
Sabato, 25 maggio 2024 - Aggiornato alle 6.00

CONTABILITÀ

La formula di prestito dei calciatori incide sul trattamento in bilancio

In caso di prestito secco, la società proprietaria del cartellino continuerà a effettuare l’ammortamento

/ Fabrizio BAVA

Lunedì, 25 marzo 2024

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nei club di serie A è molto diffusa la pratica del prestito dei calciatori ad altri club, ovvero la cessione temporanea del contratto con il calciatore disciplinata dall’art. 103 delle norme organizzative interne della FIGC (NOIF), che può raggiungere un periodo massimo di due stagioni. Spesso giovani talenti dei top club, che non riuscirebbero a trovare spazio in prima squadra, sono ceduti in prestito così da consentire loro di fare esperienza di campo e migliorarsi dal punto di vista tecnico, fisico e tattico.
Al termine del prestito, il calciatore potrà magari rientrare in prima squadra oppure essere ceduto ottenendo una plusvalenza. Allo stesso modo, per i club cosiddetti di Provincia, può essere un’opportunità per verificare se il giocatore si inserisce nel gioco del club e

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU