ACCEDI
Martedì, 25 giugno 2024 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Potere di disposizione anche per le violazioni del contratto di lavoro

Il Consiglio di Stato conferma gli orientamenti dell’INL in merito al relativo campo di applicazione

/ Mario PAGANO

Sabato, 23 marzo 2024

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il potere di disposizione, che il personale ispettivo può esercitare ai sensi dell’art. 14 del DLgs. 124/2004, riguarda anche irregolarità derivanti da norme contenute nel contratto collettivo applicato dal datore di lavoro. È questo il più rilevante principio espresso nella sentenza n. 2778 del 21 marzo scorso con la quale il Consiglio di Stato ha sovvertito le conclusioni in diritto alle quali era pervenuto il TAR Friuli Venezia Giulia, con una discussa sentenza del 18 maggio 2021 (si veda in merito “Le violazioni contrattuali non permettono l’uso della disposizione” del 25 maggio 2021).

Il citato art. 14, come modificato dall’art. 12-bis del DL 76/2020, attribuisce agli ispettori del lavoro la possibilità di adottare la disposizione (un ordine immediatamente ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU