ACCEDI
Sabato, 20 luglio 2024 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Commercialisti: «Più incentivi per l’adesione al concordato preventivo biennale»

CNDCEC e ANC, in audizione sul correttivo fiscale, chiedono nuove misure per rendere più attrattivo l’istituto

/ Savino GALLO

Mercoledì, 10 luglio 2024

x
STAMPA

download PDF download PDF

Per una massiccia adesione al concordato preventivo biennale, bisogna aumentare gli incentivi, introducendo delle misure che diano certezza sui benefici riconosciuti a chi decide di avvalersi di tale strumento. Un concetto che i commercialisti ripetono da tempo e che è stato ribadito anche dinanzi alle Commissioni Finanze riunite di Camera e Senato, nell’ambito delle audizioni sul correttivo fiscale.

Ieri sono stati ascoltati i rappresentanti dell’Associazione nazionale commercialisti, mentre questa mattina sarà la volta del Consiglio nazionale, che ha anticipato alla stampa il documento che verrà depositato in Parlamento. “Sul concordato preventivo – ha spiegato il Tesoriere del CNDCEC, Salvatore Regalbuto – proponiamo una tassazione flat sul reddito incrementale concordato

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU