ACCEDI
Mercoledì, 24 luglio 2024 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Decontribuzione per lavoratrici madri a rischio revoca senza la comunicazione dell’INPS

/ Daniele SILVESTRO

Mercoledì, 10 luglio 2024

x
STAMPA

download PDF download PDF

La fruizione della decontribuzione per le lavoratrici madri con almeno due figli nasconde alcune insidie per la stessa lavoratrice, che potrebbero portare, a sua insaputa, anche alla revoca del beneficio.

Introdotta dall’art. 1 commi 180-182 della L. 213/2023, la misura consiste in uno sconto contributivo totale della quota IVS della lavoratrice, nel limite massimo di 3.000 euro annuale da riparametrare su base mensile, in favore della lavoratrice madre di almeno due figli e titolare di un rapporto di lavoro a tempo indeterminato nel periodo di vigenza dell’esonero (con esclusione dei rapporti di lavoro domestico). Nello specifico, l’esonero spetta per i periodi di paga:
- dal 1° gennaio 2024 al 31 dicembre 2026, se la lavoratrice ha tre o più figli;
- dal 1° gennaio 2024 al ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU