X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 16 gennaio 2019 - Aggiornato alle 6.00

Lavoro & Previdenza

Mancato coordinamento tra le deroghe agli obblighi di informazione del datore

La disposizione sull’inapplicabilità dei generali obblighi di informazione ex art. 5 del DLgs. 152/1997 risulta tuttora vigente

/ Luca BIANCHIN

Venerdì, 11 gennaio 2019

Modificando il testo del comma 4 dell’art. 19 del DLgs. 81/2015, l’attuale legislatore ha inteso esplicitare le tempistiche di comunicazione al lavoratore del termine apposto al contratto di lavoro. Oggi, infatti, ai sensi dell’art. 1, comma 1, lett. a) n. 3) del DL 12 luglio 2018 n. 87, l’apposizione del termine al contratto è considerata priva di effetto ove non risulti da atto scritto, la cui copia deve essere consegnata al lavoratore entro cinque giorni lavorativi dall’inizio della prestazione, fatta eccezione per i rapporti di lavoro di durata inferiore ai 12 giorni.

Tale novazione richiama l’attenzione agli obblighi informativi posti a capo del datore di lavoro dal DLgs. 152/1997 in attuazione della direttiva 91/533/CEE concernente l’obbligo di

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU