X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 18 aprile 2019 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Tutela reintegratoria se la condotta è punibile con sanzione conservativa

La Cassazione ha stabilito che il giudice è tenuto ad applicare l’art. 18 comma 4 della L. n. 300/70

/ Giada GIANOLA

Mercoledì, 20 marzo 2019

Con la sentenza n. 7660 pubblicata ieri la Cassazione è tornata a occuparsi del licenziamento disciplinare intimato per condotte punibili, secondo le previsioni del contratto collettivo o del codice disciplinare, con una sanzione conservativa.

Il caso portato all’attenzione della Corte riguardava un lavoratore licenziato senza preavviso per aver utilizzato in modo improprio la carta di credito aziendale, effettuando spese personali e, comunque, non autorizzate in occasione di una trasferta. Le spese non permesse ammontavano a più di 6.855 euro.
Per il datore ciò costituiva un grave danno per la società, legittimando il recesso per giusta causa.
La Corte d’Appello ha, invece, confermato l’annullamento del licenziamento disciplinare disposto in sede di opposizione dal Tribunale ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU